COP27

Il COP27, la conferenza internazionale sul cambiamento climatico, che aveva generato tante attese, ha data un risultato assai modesto. 

Il clima (è il caso di dirlo) generale è cambiato e altre preoccupazioni tormentano l’umanità di questi tempi.
La guerra in Ucraina, che minaccia di tenerci al freddo. è un potente motore di riflessione. 

Inoltre i paesi più importanti per le emissioni, Cina in testa, ormai non fanno nemmeno più finta di volersi adattare alle smanie dirigistiche dei politici che cavalcano il tema del cambiamento climatico.

Google e l’illegalità

Il nostro account è stato chiuso con una decisione arbitraria e senza appello e nemmeno sappiamo cos’è successo.

Questo intollerabile atteggiamento dei social, che si permettono di limitare a capriccio la possibilità di espressione del pensiero, è diventato un problema e una peste che affligge il nostro tempo.

Pubblicheremo su altri social i nostri contenuti e ve ne daremo notizia ma è evidente che la soluzione non è questa.

http://www.radiasvaboda.net/FILES/Napalm/Cronache-36.mp3

L’Italia desta

Per una volta tanto non parliamo male del nostro paese e sfuggiamo al vezzo nazionale della lagna.
Parliamo di informatizzazione , di PEC, di SPID, di firma digitale e via dicendo.
Cose nelle quali la nostra pubblica amministrazione è all’avanguardia.
Salvo, certo e ovvio, avere rugginosità e incredibili idiozie a rendere a volte inverosimile il quadro.
Ma un po’ alla volta le cose si sono sistemate.

E’ un po’ la rappresentazione plastica dell’Italia, un paese variegato, diviso tra eccellenze e baronie, tra innovazione e regresso.

Elezioni di qua e di là dell’Atlantico

Sara Palin perde le elezioni locali contro il candidato democratico.

I giochi non sono fatti negli Usa per le elezioni di mid term che nelle previsioni avrebbero dovuto azzoppare Biden e invece potrebbero dargli una insperata vittoria.

Causa la recente sentenza sull’aborto? o perché l’elettore repubblicano viene allontanato dalle posizioni estremiste di Donald Trump? In Italia le posizioni estremiste catturano invece la gran parte dell’elettorato, salvo regolare delusione quando le promesse elettorali sono disattese.

Parliamo con Fabio Scacciavillani in particolare della Meloni che sta promettendo l’inverosimile sapendo bene di non poter mantenere alcuna delle promesse.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi