Siamo in guerra?

Dibattito  sulla guerra  con l’Islam.
1- siamo in guerra? loro sono in guerra con noi?
2- ci si difende con la guerra?
3- possono i libertari pronunciare la parola guerra?

Dibattito con MassimoTesta, Roberto Bolzan e altri.

Giovedì solita ora (20:30)  e solito posto..

Al termine un flash di aggiornamento sul Venezuela.

Rimanete sempre informati iscrivendovi al canale de tubo

2 risposte a “Siamo in guerra?”

  1. Quello che ieri sera intendevo dire sul rapporto tra gli immigrati addetti a lavori poco qualificati e la guerra verso l’Occidente, non è che il disagio/povertà è la causa dei mostri, è che è l’humus dove il mostro che è già nei loro cuori cresce e si sviluppa.
    Il mostro è il rapporto conflittuale tra la cultura islamica/africana e la cultura europea.
    Significa che ci sono troppe famiglie immigrate, apparentemente integrate, dove invece cova il disprezzo per la cultura occidentale, e che dove magari questo disprezzo non si esplicita nei padri, costretti al lavoro, ma esplode nei figli che disprezzano sia l’Europa, sia i loro padri.
    Vedi gli esempi dei minorenni di Reggio, che in tre hanno devastato strutture pubbliche per 470.000 euro, vedi i recentissimi casi delle baby gang a Bologna, ecc.
    Questa gente sopravvive anche grazie a un buon welfare, ma che usa in modo predatorio, non per costruirsi un futuro stabilmente integrato.
    Manca il rispetto per la legge (non che i nostri…), giudicata debole; tanto che le seconde generazioni, quando devastano o delinquono usano sempre lo stesso ritornello beffardo “siamo minorenni, non potete farci niente”. Viene da chiedersi cosa pensano i padri dei figli.
    Imho, quindi, in una ottica di rimpianto malinconico della semplice brutalità sopraffattiva dei rapporti tra stato e cittadino dei loro paesi d’origine, quando questi disagiati scoprono l’islam favolistico dell’Isis, credono di aver trovato l’equilibrio che l’Occidente, con la sua complessità, non gli ha dato; mentre invece è l’islam politico che ha trovato una nuova arma umana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *