Libertà in bicicletta

L’anarchia del ciclista è diventata un pericolo.

Come dobbiamo considerare la libertà di andare in bicicletta quando una potente ideologia considera le automobili mortali e l’automobilista un criminale?
Tutti abbiamo vissuto episodi pericolosi per indisciplina del ciclista che, per alcune correnti di pensiero, ha sempre ragione, anche quando ha torto. Questo contribuisce, si dice, a diminuire gli incidenti.

Ma a prezzo del terrore per tutti gli altri.

Ne parliamo con Federico Saggini ed altri.

Qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie tecnici da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi