Il medioevo in Italia e in Europa – vol 2 – Cap 7/3 – Il mondo intorno all’Impero Carolingio.

E’ l’anno 798 e i nobili franchi Loffredo e Sigismondo, accompagnati dall’ebreo Isacco con compito di interprete, dopo aver viaggiato lungo migliaia di chilometri e per oltre un anno, giungono in vista della splendida capitale del grande Califfato degli infedeli: Baghdad…. sulla vasta spianata desertica, si innalza colossale la mole di mura straordinarie per potenza e bellezza… un cerchio preciso, il cui perimetro è scandito con regolarità millimetrica da alte e invincibili torri, racchiude un abitato così smisurato da fare impallidire qualsiasi città del grande regno carolingio da cui i tre provengono… i tre uomini conoscono i possenti bastioni voluti dall’imperatore Aureliano a Roma e sono abituati allo splendore della reggia che Carlo sta costruendo ad Aquisgrana… ma lo spettacolo che si apre ai loro occhi li lascia senza fiato… non esiste al mondo una città più popolosa, viva, colta e bella di Baghdad… al centro esatto dell’abitato un palazzo magnifico e la cupola verde e splendente della moschea principale riflettono la violenza della luce solare, abbagliandoli e intimidendoli… ovunque, nobili signori, guardie dalle sgargianti uniformi, animali esotici e mercati come non ne avevano mai visti… Eppure i tre si devono fare coraggio… il loro compito è troppo importante e non ammette fallimenti: devono incontrare il leggendario Califfo Harun al Rashid e portargli i saluti del più grande tra i sovrani cristiani, il re dei Franchi Carlo, che ancora imperatore non è, ma si appresta a diventarlo, e con i saluti devono sottoporre al Califfo delicate proposte di collaborazione commerciale e politica, nell’interesse della cristianità e per la protezione e la sicurezza dei pellegrini in Terra Santa…. Solo uno di loro, l’ebreo Isacco, stimato e rispettato da Carlo, sopravviverà alla grande avventura e potrà fare ritorno ad Aquisgrana quattro anni dopo…

DALL’INVASIONE ARABA ALLA RIUNIFICAZIONE DELL’OCCIDENTE CRISTIANO.

Capitolo 7:    Il mondo intorno all’Impero Carolingio.

Parte 3:  Carlo Magno e Harun al Rashid, due leggende a confronto. Impero Carolingio e Califfato Abbaside, una amicizia possibile e cercata. Un elefante ad Aquisgrana. Il ruolo del mondo ebraico nei rapporti tra oriente e occidente. La diplomazia al tempo di Carlo Magno. 

Autore: Andrea Babini
Voci: Andrea Babini, Alessandra Benfenati, Lorena Barducci, Marzia Giovannini e Michela di Mieri
Regia e montaggio: Andrea Babini
Assistenza: Roberto Bolzan

Buona visione, ricordate che c’è il podcast e iscrivetevi al canale Youtube per essere sempre aggiornati.

E se avete perso qualche puntata, ecco l’elenco completo

Il medioevo in Italia e in Europa – vol 2 – Cap 7/2 – Il mondo intorno all’Impero Carolingio.

È l’8 giugno dell’anno 793 e monaci del ricco monastero di Lindisfarne nel regno anglosassone di Northumbria sono intenti nelle loro occupazioni quotidiane… Alcuni stanno lavorando la terra non lontano dalla spiaggia quando in lontananza vedono una imbarcazione dalla forma particolare… Pensando a dei mercanti vanno loro incontro per accoglierli. Ma non si trattava di mercanti e il sangue di quei poveri monaci gentili macchiò la sabbia umida del litorale e fu il primo a essere versato ad opera del nuovo incubo che si stava per abbattere sul mondo cristiamo:i vichinghi.Inizia quel giorno la storia del conflitto tra questi fieri pirati scandinavi e l’Europa cristiana voluta e plasmata da Carlo Magno

Una panoramica dei rapporti tra il mondo carolingio e le realtà circostanti. L’affermazione della potenza danese e di. Carlo Magno e Bisanzio. I difficili rapporti tra le due realtà imperiali cristiane, la figura affascinante e terribile di Irene d’Atene, una donna imperatore e la contesa per il controllo di Venezia e dell’Adriatico.

DALL’INVASIONE ARABA ALLA RIUNIFICAZIONE DELL’OCCIDENTE CRISTIANO.

Capitolo 7:    Il mondo intorno all’Impero Carolingio.

Parte 2:   L’affermarsi della potenza danese. Le prime incursioni vichinghe in Northumbria e nell’Inghilterra anglosassone. Danesi e Carolingi, due realtà in conflitto. Carlo Magno e Bisanzio: i difficili rapporti tra le due realtà imperiali cristiane. Irene, una donna imperatore. La contesa per il controllo di Venezia e dell’Adriatico. 

Autore: Andrea Babini
Voci: Andrea Babini, Alessandra Benfenati, Lorena Barducci, Marzia Giovannini e Michela di Mieri
Regia e montaggio: Andrea Babini
Assistenza: Roberto Bolzan

Buona visione, ricordate che c’è il podcast e iscrivetevi al canale Youtube per essere sempre aggiornati.

E se avete perso qualche puntata, ecco l’elenco completo

Il medioevo in Italia e in Europa – vol 2 – Cap 7/1 – Il mondo intorno all’Impero Carolingio.

 Si tratta di un capitolo nel quale, partendo dall’analisi dei rapporti diplomatici intrattenuti da Carlo Magno con le realtà politiche confinanti e più rilevanti del suo tempo, l’autore Andrea Babini descrivere le altre potenze della seconda metà del IX secolo, qquindi in diverse letture: le complicate relazioni con Bisanzio, la spregiudicata politica di convivenza armata con la Spagna musulmana dopo la sconfitta di Roncisvalle, i primi segni di vitalità e aggressività dei Vichinghi e il rapporto teso con i potenti Danesi, l’affascinante percorso diplomatico e il cordiale rapporto con un altro “mito” del medioevo, il Califfo di Baghdad Harun al Rashid, protagonista delle mille e una notte con il fidato Ja’far. 
In questo primo paragrafo si parla dei rapporti per lo più distesi, ma delicati, con Offa il sovrano della Mercia, ma di fatto signore di quasi tutta l’Inghilterra anglosassone. 
Quella di Offa è una figura affascinante, che merita attenzione, salito al trono con la violenza, della violenza usata con razionalità avrebbe fatto il principale strumento della sua politica, alternando omicidi politici a guerre portate con feroce determinazione. Prendendo il controllo di un regno indebolito da lotte intestine seppe arrivare a dominare uno dopo l’altro tutti gli altri regni dell’Eptarchia anglosassone. Kent, Sussex, Anglia, Wessex e la colta Northumbria dei floridi monasteri caddero una dopo l’altra sotto il suo controllo indiretto e, anche se non unificò politicamente il mondo anglosassone, ne divenne comunque il vero “dominus”. Carlo Magno cosciente della forza di questo vicino, uno dei pochi sovrani cristiani insieme ai Re delle Asturie a esercitare il potere fuori dal regno franco, volle intrattenere con Offa rapporti cordiali e finalizzati a un proficuo commercio sul canale della Manica. 
Offa del resto non fu solo un brutale conquistatore, ma anche un lucido politico, che seppe fare scelte mirate, come la costruzione di un vallo difensivo a ovest allo scopo di contenere i gallesi, per poter in tal modo concentrare tutte le risorse nella sua espansione verso sud… realizzando il fine di raggiungere la Manica e aprire una grande stagione di commerci con l’Europa. 

DALL’INVASIONE ARABA ALLA RIUNIFICAZIONE DELL’OCCIDENTE CRISTIANO.

Capitolo 7:    Il mondo intorno all’Impero Carolingio.

Parte 1:    La frammentazione politica dell’Inghilterra e l’emergere del ruolo di guida della Mercia. Offa il più grande sovrano anglosassone dell’ottavo secolo. Un nuovo sistema economico di scambi sulla Manica e i rapporti con il mondo carolingio. Offa e Carlo, alti e bassi nelle relazioni tra due grandi sovrani.e 

Autore: Andrea Babini
Voci: Andrea Babini, Alessandra Benfenati, Lorena Barducci, Marzia Giovannini e Michela di Mieri
Regia e montaggio: Andrea Babini
Assistenza: Roberto Bolzan

Buona visione, ricordate che c’è il podcast e iscrivetevi al canale Youtube per essere sempre aggiornati.

E se avete perso qualche puntata, ecco l’elenco completo

Il medioevo in Italia e in Europa – vol 2 – Cap 6/4 – Istituzioni e caratteristiche del mondo carolingio..

Andrea Babini, autore e lettore di quest’opera sul medioevo, conclude questa settimana la lettura del capitolo 6, parlandoci della complessa transizione politica e istituzionale che avviene con i carolingi,

DALL’INVASIONE ARABA ALLA RIUNIFICAZIONE DELL’OCCIDENTE CRISTIANO.

Capitolo 6:    Istituzioni e caratteristiche del mondo carolingio.

Parte 4:    Il cambiamento di paradigma da re a imperatore. La guida politica della cristianità latina. La complessa transizione verso l’Impero e il ruolo del Papato. I difficili rapporti con Bisanzio e l’autonomia religiosa dell’occidente 

Autore: Andrea Babini
Voci: Andrea Babini, Alessandra Benfenati, Lorena Barducci, Marzia Giovannini e Michela di Mieri
Regia e montaggio: Andrea Babini
Assistenza: Roberto Bolzan

Buona visione, ricordate che c’è il podcast e iscrivetevi al canale Youtube per essere sempre aggiornati.

E se avete perso qualche puntata, ecco l’elenco completo